domenica 6 aprile 2014

Giovane sensibile incompreso.

L'oceano profondo e cristallino,
impreziosisce le mie serate.
I suoi occhi sono i miei, e...
i miei occhi sono i suoi.

Con i suoi occhi mi vedo,

mi vedo mentre lo guardo,
Sorrido,mi emoziono... arrossisco,
e volte piango.
Mi vedo mentre lo scruto,
mentre aspetto,
Aspetto quelle pianure,
pianure di grano, 
che tanto ammiro.
Mi vedo mentre piango,
le lacrime sono emozioni,
emozioni che come un tuono,
possono stagionare la primavera.
Una primavera tardiva,
che non arriverà.

Con i miei occhi lui si vede,

si vede come è bello,
Sorridente,affettuoso...timido,
e a volte riflessivo.

Si vede... ma non conosce,

quanto a volte io,
lo possa odiare.
Lo odio quando visualizza e non risponde,
Quando i tempi morti,
prendono il dominio nel nostro tempo,
Quando onde d'amore non si incontrano,
ma entrambi lo desideriamo.

Seguo il mio fato,

Io sono un giovane sensibile incompreso. 

sabato 5 aprile 2014

Giovani Sensibili.

Folte pianure di grano viaggiano,                                     
oceani profondi osservano,                                                   
e cieli rosati decorano.                                                         
Un fulmine d'imbarazzo,                                                        
su colline di ciliegi in fiore,                                              
stagiona la primavera. 

Era di splendore,
giornate di sole,
un nido metropolitano.
Uno sguardo innamorato,
dipinge un sorriso.

Notti d'estate,
affamate di sogni,
e cieli impreziositi da colori.
Due soggetti innamorati...
onde d'amore si incrociano.

Parchetto Parigino,
alba e tramonto,
fontana d'amore scorre.
Giovani sensibili,
legame sottile,
amore eterno giurano.